UE, Piso (NCD): quante castronerie si Europa…

(9Colonne) Roma, 9 mag 2014 – “Avremmo fatto un passo avanti e non saremmo costretti ad ascoltare tante castronerie se i numerosi attuali censori della Ue almeno sapessero che anche per recedere dagli impegni presi in Europa è necessario il consenso degli altri Stati membri”. Lo dice Vincenzo Piso, Deputato del Nuovo Centrodestra e componente dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo NCD alla Camera dei Deputati. “Non voglio in questo caso esprimere giudizi di merito sulla costruzione europea. Ma dovremmo prima riflettere su come abbiamo governato la Nazione in questi ultimi trent’anni. E magari assumerci qualche responsabilità, derogando alla facile pratica del capro espiatorio. Una prassi molto comoda ma che alla lunga riserva amarissime sorprese” conclude Piso.

I commenti sono chiusi