Tor Sapienza: Piso (Ncd), Marino ascolti i comitati di quartiere

(AGENPARL) – Roma, 23 gen 2014 – “Non è chiaro perché il Sindaco di Roma su un tema così delicato come le problematiche inerenti Tor Sapienza si ostini a pensare che tutto si esaurisca intorno al complesso Morandi ed al neo costituito comitato. È il caso che il sidnaco Marino ascolti ciò che hanno da dire i comitati di quartiere di Tor Sapienza”. A dirlo è Vincenzo Piso, deputato del Nuovo Centrodestra del Gruppo Parlamentare Area Popolare (Ncd-Udc). “In quel quadrante, infatti, – precisa Piso – operano da anni decine di associazioni e comitati ed una agenzia di quartiere che, con idee e progetti, cercano di dare un contributo positivo ad una situazione che rischia di andare fuori controllo. Ci sono un numero consistente di associazioni che con l’Università di Tor Vergata da qualche anno stanno lavorando ad un progetto di riqualificazione nell’ambito del programma europeo Urbact II denominato RE-BLOCK”. E conclude: “un Sindaco dovrebbe, infatti, avere la capacità di ascoltare e confrontarsi con tutti ed evitare di perorare progetti superflui come, ad esempio, il ventilato riutilizzo dell’ex scuola “Elio Vittorini” come nuova sede del 112 quando già oggi è posizionato a circa un chilometro. Gli abitanti del quartiere, più volte ed anche formalmente, ne hanno invece chiesto il riutilizzo come centro di aggregazione sociale in un contesto che ne è assolutamente privo”.

I commenti sono chiusi