Scioperi:Augello-Piso, Marino dovrebbe azzerare manager Atac

“Confermate nostre notizie, file audio ancora in rete” (ANSA) – ROMA, 22 APR – 2015. “Non amiamo polemizzare con l’Assessore Improta perche’ lo riteniamo un uomo intelligente vittima di un Sindaco bizzoso e di un’etourage di nominati da Marino completamente inadeguato”. E’ quanto dichiarano il senatore Andrea Augello e l’onorevole Vincenzo Piso di Area popolare Ncd-Udc, replicando alle dichiarazioni rilasciate dall’assessore capitolino nel corso della conferenza stampa di oggi. “In realta’ Improta ha confermato tutte le nostre rilevazioni: i macchinisti scioperanti al primo turno erano sei, di cui due avevano dato preavviso 24 ore prima e quattro no. Secondo Improta su questi ultimi dovrebbe gravare un provvedimento disciplinare, ma e’ stato lo stesso Assessore qualche giorno fa a spiegare che nel settore del trasporto pubblico non c’e’ l’obbligo del preavviso per le adesioni -aggiungono- Confermato anche che l’Atac era informata correttamente fin dal 14 Aprile e che nonostante un ordine scritto non ha attivato i comandi. Infine, fatto piu’ clamoroso, confermata anche la manomissione della scatola nera della metropolitana. Su questo punto Improta ha polemizzato con noi fraintendendo il comunicato con cui avevamo anticipato la notizia: il problema non e’ che sia sparito il file della registrazione tutt’ora reperibile in rete. Quello che noi abbiamo denunciato e’ che “casualmente” sia sparita la registrazione dalla memoria delle comunicazione terra-treno che avrebbe immediatamente consentito l’identificazione del dirigente responsabile dell’ordine di arresto dei treni”. “Improta non e’ uno stupido capisce bene la differenza, come comprende che un simile atto di sabotaggio non sia neppure pensabile senza vaste complicita’ nella dirigenza -concludono- In una citta’ civile il Sindaco dovrebbe chiedere scusa ai cittadini ed ai lavoratori e radere al suolo la dirigenza dell’Atac. Siamo certi che in cuor suo l’Assessore vorrebbe farlo ma Marino non lo consentira’”

I commenti sono chiusi