Salva Roma, Piso (NCD): su piano strutturale città precise responsabilità del Pd

(OMNIROMA) Roma, 18 MAR 2014 – “La fotografia che meglio descrive la paradossale situazione di Roma sono i 25 milioni di euro che bisognerà pagare per portare fuori Regione i rifiuti e ciò che emerge dal continuo scontro interno al PD e dalle posizioni emerse dal congresso regionale della Cgil. Diciamo questo perché non possiamo ignorare che il PD, nelle sue varie declinazioni, ha governato la città ininterrottamente dal 1994 al 2008 e dalla primavera 2013 ad adesso ed è quindi di tutta evidenza che oggi noi paghiamo anche una serie di errori sul piano delle scelte strutturali che trovano in questo partito precise responsabilità. Ed allora se possiamo concordare con il sottosegretario Legnini quando afferma che non si può avere un approccio ragionieristico al tema Roma come doveroso contraltare vorremmo capire, principalmente dal PD, quale è il progetto di riforma per la Capitale”. Così, in una nota, il parlamentare del Ncd Vincenzo Piso. “Se il piano di rientro può essere una occasione – prosegue la nota – vogliamo vedere su quali basi, con quali prospettive si pensa di operare delle scelte che, per avere profondità ed efficacia, devono, superata l’emergenza, porre anche i presupposti di riforme di sistema. Se non possiamo dimenticare l’esigenza di un contratto di servizio del TPL che scade a fine marzo vorremmo capire cosa il PD intende fare in questo comparto, se dobbiamo subire quanto sopra detto sui rifiuti vorremmo comprendere con quali obiettivi e attraverso quali passaggi intendano operare Regione e Comune. I temi sono molti e noti ma rispetto alle soluzioni la dialettica a sinistra sembra essersi fermata a qualche decennio fa e di certo non rassicura l’impressione che si vogliano sostituire vecchi monopoli con monopoli nuovi”.

2 Responses to Salva Roma, Piso (NCD): su piano strutturale città precise responsabilità del Pd