Roma:Pdl, nonostante derivati Veltroni città salva da default

(ANSA) – ROMA, 20 MAG 2013 – ”Come hanno denunciato oggi, quindi con un ritardo di cinque anni, gli attivisti del M5S, le Giunte Veltroni fecero un pericoloso ricorso alla finanza creativa attraverso la sottoscrizione a contratti derivati con le banche. Eppure l’Amministrazione di centrodestra e’ riuscita a salvare i conti di Roma Capitale dal default. L’operazione di salvataggio e’ stata realizzata mediante la costituzione di una gestione commissariale in cui e’ stata fatta confluire l’ingente montagna dei debiti ereditati, di cui i ‘derivanti’ erano solo una delle svariate componenti, e la sua conseguente separazione dalla gestione ordinaria. Quest’ultima e’ stata tenuta in perfetto equilibrio negli ultimi cinque anni a dispetto dei pesantissimi tagli ai trasferimenti statali imposti dalle manovre di contenimento della spesa pubblica decise dal Governo. Il pareggio di bilancio, infatti, era una delle condizioni imprescindibili per poter accedere al fondo di 300 milioni annui erogati dallo Stato per il piano di rientro della gestione commissariale che ha, peraltro, obbligato la giunta attuale a disporre un aumento dell’addizionale Irpef (la cosiddetta ‘Veltron tax’) per far fronte agli oneri antecedenti al suo insediamento”. Lo dichiara il parlamentare del Pdl, Vincenzo Piso.

I commenti sono chiusi