Riforme: Piso “Italia bloccata da dittatura delle minoranze e burocrazia”

ROMA (ITALPRESS) 23.09.2014 – “Il gasdotto Tap, osteggiato dai comitati e dai sindaci locali, il rigassificatore di Monfalcone, che sarebbe uno dei pochi investimenti su quel territorio per il futuro e il rifiuto della Regione Sardegna a cercare il metano nelle profondita’ dell’isola: sono solo alcuni esempi di come l’Italia sia ferma per colpa della burocrazia e di localismi da Repubblica pre-unitaria”. A dirlo e’ Vincenzo Piso, deputato del Nuovo Centrodestra e membro dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo. “Il nostro Paese – continua Piso – ha bisogno di investimenti e di piu’ coraggio nelle scelte,liberando le scelte di importanza strategica dalle dinamiche inibitorie dei veti e delle competenze concorrenti e incrociate e da tutte quelle incombenze burocratiche che contribuiscono alla stagnazione dell’Italia”.

I commenti sono chiusi