Maltempo: Piso (NCD), su infrastrutture Roma no a interventi spot, intervenga Governo

Roma, 17 giu. 2014 (Adnkronos) – ”Sulla rete infrastrutturale di Roma serve uscire dal solito ping pong di polemiche fra maggioranza ed opposizione, se l’obiettivo è avviare un confronto serio. E bisogna dire chiaramente che oggi è nemico della città chi afferma sia possibile dare una risposta efficace in questo ambito con interventi ordinari. Ma non è così. Occorre un intervento del governo nazionale, che tenga conto della specificità di Roma Capitale”. Così il deputato del Ncd, Vincenzo Piso. ”Roma – sottolinea il parlamentare del Nuovo Centrodestra – come diciamo da tempo, soffre di questi problemi da almeno un decennio con una situazione che si è via via aggravata sempre di più, mettendone a rischio i servizi fondamentali. Le parole dell’assessore alla Mobilità, evidenziando un gap manutentivo delle stazioni metro di circa 200 milioni di euro, rendono bene l’idea di quale sia il quadro”. ”A ciò andrebbe aggiunto il gap manutentivo relativo ai rotabili e alle sottostazioni non ancora operative, senza poi tralasciare le criticità gestionali che già si intravedono all’orizzonte sulla metro C – spiega – Di fronte a questo scenario è di tutta evidenza che gli interventi spot non possono essere la soluzione”. ”La verità – prosegue Piso – è che il trasporto pubblico e la mobilità di Roma necessitano della definizione di una politica industriale delle aziende del Tpl romano laziale e di un piano straordinario per le infrastrutture, inclusa la loro manutenzione. Tutto questo può avvenire solo in un quadro che veda intervenire il governo nazionale – conclude l’esponente Ncd – Pensare che situazioni di questa portata possano essere affrontate dal livello locale, lasciato al proprio destino, è fuori da ogni logica. Roma come capitale chiama naturalmente in campo il livello più alto della politica”.

I commenti sono chiusi