(LZ) Metro. Piso: Veltroni non ci racconti inesistenti abilità

Cosi’ in una nota Vincenzo Piso, coordinatore del Pdl del Lazio. ”Nondimeno, vorremmo che Veltroni rispondesse alle seguenti domande: ha senso fare una metropolitana dove il carico di utenza previsto e’ di poche migliaia di persone? Ovvero, ha senso spendere piu’ o meno 200 milioni a km quando lo stesso obiettivo si puo’ raggiungere con un quinto, se non meno, della spesa?- dice Piso- Ha senso progettare una metropolitana il cui capolinea praticamente, non prevede parcheggi? Ha senso progettare una metropolitana che si innesta dopo poche fermate in un’ altra provocando il diradamento delle frequenze?”.
 
“La verita’ e’ che, a fronte delle sciocchezze progettuali della sinistra, l’amministrazione Alemanno sta cercando, vincolata dal principio della continuita’ amministrativa, di dare un senso ad opere mal concepite e sulla cui utilita’, in specie valutando il rapporto costi-benefici, molto ci sarebbe da dire- spiega Piso- Oggi noi paghiamo le scelte assurde di giunte che alla fine degli anni 90 hanno impegnato cifre stratosferiche e assolutamente fuori scala rispetto alla loro reale utilita’”.
“L’origine delle difficolta’ economiche del Comune- continua Piso- in questo settore e’ tutta nella irresponsabilita’ con cui si progetto’ in quegli anni e che regaleranno alla citta’ una serie di opere zoppe a costi esorbitanti. Il minimo del risultato con il massimo dell’esborso economico. Una amministrazione oculata avrebbe dovuto rapportare la spesa al risultato, rifiutandosi di sparare con un cannone a una mosca. Questa e’ buona amministrazione, no chi avalla progetti faraonici e senza senso per finire sui giornali e prendere in giro la gente ignara dei piu’ elementari aspetti tecnico-economici”.
“Per cui Veltroni, piu’ che raccontarci delle sue inesistenti abilita’- concludePiso- apprezzi chi, in un mare di difficolta’ ereditate, sta cercando di dare una prospettiva positiva alla follia progettuale delle giunte di sinistra”.

I commenti sono chiusi