L. elettorale: Piso (NCD) a Renzi, non serve Goldrake per dire no a parlamento di nominati

(AGENPARL) – Roma, 22 gen 2014 – “Renzi ha uno strano concetto della democrazia, sia in casa che fuori. Sulle preferenze gioca allo scaricabarile, attribuendo ogni responsabilità a Forza Italia, mentre in casa democratica procede a colpi di diktat, mostrando un cinismo e uno sprezzo delle regole, in linea con la peggiore tradizione politica italiana” lo dichiara, Vincenzo Piso, deputato del Nuovo Centrodestra. “Non serve Goldrake per dire no ad un parlamento di nominati, ma un leader serio e responsabile che non spinga sull’acceleratore, pur di attestarsi una vittoria che sarebbe di Pirro. A meno che l’obiettivo del segretario del Pd sia quello di far saltare il banco, allora si capirebbe la sua scelta di forzare la mano” aggiunge. “La Consulta è stata chiara, dobbiamo restituire ai cittadini il diritto di scegliere i loro rappresentanti. Su questo, il Nuovo Centrodestra darà battaglia in Parlamento . Il porcellum ha contribuito a creare uno scollamento micidiale tra elettori ed eletti. Le preferenze sono la via maestra per colmare questo gap” conclude Piso.

I commenti sono chiusi