Gas. Piso (NCD): Renzi si adoperi affinchè Ue non blocchi Southstream

(9Colonne) Roma, 19 set 2014 – “Renzi si adoperi affinché la Ue non blocchi un’opera importante come il gasdotto Southstream. La risoluzione approvata ieri in Parlamento europeo, che chiede di annullare gli accordi per la costruzione del gasdotto, seppur non vincolante, è un segnale chiaro che l’Europa ha inviato”. A dirlo è Vincenzo Piso, deputato del Nuovo Centrodestra e membro dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo. Piso evidenzia che “dopo aver sbloccato un’opera strategica come il Tap, utile per l’Europa per la messa in sicurezza degli approvvigionamenti e che renderà l’Italia un hub nel Mediterraneo,è prioritario occuparsi del Southstream. Un eventuale blocco avrebbe conseguenze geopolitiche ed economiche negative per l’Europa e per l’Italia poiché danneggerebbe investimenti importanti e deteriorerebbe i rapporti con la Russia. Del resto l’ad di Gazprom ha assicurato che rispetteranno gli obblighi contrattuali con l’Europa”. “L’Europa – continua Piso – ha bisogno del gas russo non meno di quanto la Russia dipenda dal suo export. Appoggiare il progetto significa per noi assumere un ruolo importante nel complesso rapporto tra Putin e l’Unione Europea e potrebbe fornire l’occasione per verificare la possibilità di una variazione del progetto che ne contempli il passaggio sul nostro territorio”. E conclude: “è assolutamente corretto mirare ad avvicinare sempre più la Russia alla UE, aiutandola a uscire definitivamente dai postumi negativi di ciò che fu l’URSS, operando affinché si possa lentamente recuperare nel tempo una maggiore distensione con quei paesi del vecchio continente che per 70 anni hanno vissuto in maniera drammatica l’incombenza di Mosca”.

I commenti sono chiusi