Europee: Piso “si rafforza area governo, riforme grazie a Ncd”


ROMA (ITALPRESS) – 26 MAG 2014 “In Italia il voto delle Elezioni europee indica chiaramente una forte richiesta di stabilita’ e riforme, con una grandissima apertura di credito nei confronti del partito di maggioranza relativa dell’attuale governo: Il Pd di Matteo Renzi. Questa la prima evidenza”. E’ quanto dichiara Vincenzo Piso, deputato del Nuovo Centrodestra e membro dell’ufficio di presidenza del gruppo NCD alla Camera dei Deputati. “Il secondo elemento – aggiunge Piso – e’ la clamorosa sconfitta del M5S, che fa emergere la sterilita’ della politica della protesta, dell’urlo fine a se stesso. Terza indicazione il declino irreversibile di Forza Italia, in trend negativo costante. Lontanissima dai numeri di una volta e in evidente stato confusionale rispetto alla propria linea politica. Quarto segnale, la ripresa della Lega che riesce, con un rinnovamento iniziato un paio di anni fa, ad uscire da una forte crisi lasciandosi alle spalle l’era Bossi. Quinta evidenza, il raggiungimento del quorum da parte di formazioni politiche giovanissime come il Nuovo Centrodestra e L’Altra Europa con Tsipras. Ultima considerazione, la fuoriuscita dall’Europa di Fratelli d’Italia, nonostante l’utilizzo di simboli storici. “Il quadro politico complessivo declina un rafforzamento dei partiti dell’area di Governo e un ridimensionamento delle opposizioni. Il tutto, pero’, in un contesto estremamente confuso. Infatti, l’area del centrodestra, come diciamo da tempo, ha la necessita’ di un fortissimo ripensamento sia per quanto riguarda le leadership sia per il progetto e il programma. La sinistra, invece, al di la’ del successo del Pd, conserva al proprio interno delle contraddizioni che ha potuto affrontare con successo solo grazie al supporto nel governo del Nuovo Centrodestra. E’, infatti, di tutta evidenza che il Pa di Renzi riesce ad affrontare alcune importanti riforme solo grazie al NCD, ovvero circumnavigando lo stretto politico della sinistra radicale” conclude il deputato del Nuovo Centrodestra

I commenti sono chiusi