Energia: Piso (Ncd), su Tap fare in fretta o Croazia ci fara’ le scarpe

(ASCA) – Roma, 9 lug 2014. ”L’Italia non puo’ rinunciare a diventare un hub del gas nel Mediterraneo. Per questo Renzi acceleri sul progetto Tap, altrimenti la Croazia ci fara’ le scarpe anche sul gasdotto, oltre che sulle concessioni per l’estrazione di idrocarburi in Adriatico”. A dirlo e’ Vincenzo Piso, deputato del Nuovo Centrodestra e membro dell’ufficio di Presidenza del Gruppo, in merito alla possibilita’, come riportato dal quotidiano Il Messaggero, che il progetto del gasdotto Tap possa arenarsi in Italia ed essere deviato sulla Croazia. ”Nel suo incontro domenica con il presidente dell’Azerbaijan, – continua Piso – il premier lo rassicuri che la nostra burocrazia non blocchera’ il progetto e che un eventuale progetto alternativo con la deviazione del gasdotto sulla Croazia non e’ conveniente economicamente. Dalla nostra abbiamo ancora l’analisi costi-benefici”. ”Il progetto Tap – conclude Piso – permetterebbe una differenziazione nell’approvvigionamento energetico. Sono sicuro che il ministro Galletti concedera’ subito la valutazione di impatto ambientale e il ministro Guidi firmera’ subito il decreto autorizzativo. Sono entrambi ben consapevoli della strategicita’ del progetto”.

I commenti sono chiusi