Energia, Piso (NCD): ci opporremo ad aumento accise carburanti

(9Colonne) Roma, 5 nov 2014 – “Il prezzo del petrolio è sceso di circa il 30% ma in Italia non ne sono stati avvertiti gli effetti per via dell’eccessivo peso delle tasse. È necessario, dunque, ridurre le accise”. A dirlo è Vincenzo Piso, deputato del Nuovo Centrodestra e membro dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo. “La diminuzione del prezzo del petrolio – continua Piso – dovrebbe avere conseguenze positive per la nostra economia. Infatti, secondo uno studio di Fair-Fuel UK, ogni aumento del costo complessivo dei carburanti è deleterio per i posti di lavoro e il PIL provocando effetti recessivi. Come ha evidenziato più volte Assopetroli, ad ogni aumento di accisa di 4 centesimi si perdono 3prezzo petrolio5.000 posti di lavoro e si ha una perdita dello 0,1% sul Pil. Viceversa, con una riduzione, si incrementerebbe l’occupazione, si otterrebbe un innalzamento del PIL ed avremmo un effetto antidepressivo per l’economia”.

I commenti sono chiusi