Energia: Ncd, indipendenza compromessa da burocrazia, blocca gasdotti

Roma, 15 lug. 2014 – (Adnkronos) – “Sono sacrosante le indicazioni di Faith Birol, direttore generale Iea, per aumentare la sicurezza energetica dell’Italia: rinnovabili, efficienza energetica, hub del gas e sviluppo delle risorse oil&gas. Per realizzare questo in Italia abbiamo un solo acerrimo nemico: la burocrazia che il Nuovo Centrodestra combatte per smuovere un Paese da anni allo stallo”. A dirlo è Vincenzo Piso, deputato del Nuovo Centrodestra e membro dell’Ufficio di Presidenza del gruppo Sulle rinnovabili, continua Piso, “nonostante l’incertezza normativa che riduce gli investimenti (nel 2013 sono calati), dovrebbero riprendere visto che il settore è maturo e la riduzione dei costi per la tecnologia comporta requisiti di investimento inferiori”. “Per l’efficienza energetica – spiega il parlamentare – siamo a buon punto con una previsione di investimenti per 24,1 miliardi di euro l’anno nel settore residenziale e 17,5 mld l’anno nel non residenziale secondo il Piano d’azione italiano per l’efficienza energetica 2014″. I ritardi, aggiunge, “si verificano per l’opposizione dei comitati a progetti strategici come i gasdotti Southstream e Tap, che ci permetterebbero di diventare un vero e proprio hub del gas nel Mediterraneo, e per l’opposizione allo sviluppo della ricerca di idrocarburi di cui siamo ricchi nell’Adriatico e in altri quadranti del territorio nazionale”. “L’Italia, come ricorda Birol, è uno dei tre paesi con riserve più importanti d’Europa. Purtroppo – conclude Piso – rischiamo di farci soppiantare dalla Croazia sia sul Tap che sulla ricerca di idrocarburi”.

I commenti sono chiusi