Atac, Piso: “inopportuna nomina Maranzano”

(OMNIROMA) Roma, 17 GEN 2014 – “In un nostro lancio di agenzia di due giorni fa, premettendo il rispetto dell’ autonomia organizzativa delle aziende ex municipalizzate, invitavamo Atac a ben ponderare alcune scelte di cui si aveva riscontro informale. Facevamo tutto questo senza fare nomi per rispetto delle persone e di uno stile comportamentale che dovrebbe sempre esistere anche e forse soprattutto nell’ agire politico. Oggi dobbiamo riscontrare che Atac ed il suo azionista unico hanno pensato bene di procedere come se nulla fosse. Ed allora iniziamo con il dire che non solo è a dir poco inopportuna la nomina di Maranzano, il quale non solo è già stato condannato ma è anche indagato per il tristemente noto incidente nella stazione metro Manzoni che è costata la vita ad un passeggero e ha rivelato in quali condizioni di assoluta insicurezza viaggiavano e forse continuano a viaggiare i treni della metro, ma anche quella di altre persone indicate lascia quantomeno perplessi visto il coinvolgimento di Scoppola nella vicenda del famigerato cross border lease ed in quella vicenda delle manutenzioni jumbo tram con contestazione disciplinare e licenziamento che solo per via di avvenuta prescrizione non è stata ultimata”. Lo dichiara, in una nota, il parlamentare Vincenzo Piso. “Ultimo ma non ultimo – prosegue – il caso di Saccà in pensione ma richiamato in qualità di consulente. Magari poi fra qualche giorno, mese, anno qualche giornalista oggi distratto, qualche politico illuminato sulla via di Damasco, un sindaco ciclista indignato diranno che tutto questo non va bene e che qualcuno dovrà risponderne. Chi? Non si sa”.

I commenti sono chiusi