Atac, Piso: “incontro di domani su procedura mobilità rischio boomerang per Tpl”

(OMNIROMA) Roma, 26 GIU 2014 – “L’incontro in programma domani in Atac tra sindacati e management dell’azienda per discutere della procedura di mobilità ex L. 223/91, avviata recentemente, rischia di diventare un pericolosissimo boomerang per il Tpl romano”. E’ quanto dichiara, in una nota, il deputato del Ncd Vincenzo Piso. “A fronte di una situazione non chiara sulle prospettive dell’azienda – spiega Piso -, con una Regione Lazio che non si capisce quale ruolo vuole avere in questa delicata partita, con movimenti di personale che hanno preceduto ed anche a posteriori cambiato la macrostruttura aziendale, con una realtà di centinaia di unità fuori posizione e profilo, ed una relazione di consulenza, della quale abbiamo chiesto acquisizione al Ministro Poletti, che indica numeri diversi riguardo i potenziali riposizionamenti, si decide di procedere ad una operazione da tutti riconosciuta più di immagine che di efficientamento reale dell’azienda. Lo vogliamo dire con estrema chiarezza – prosegue l’esponente del Ncd -: questa decisione improvvida rischia di ledere fortemente gli attori protagonisti di Atac, parti sociali e management, in vista delle complesse vicende che attendono in futuro il tormentato comparto del Tpl. Le uniche certezze alle quali si va incontro con questa storia – conclude Piso – saranno la miriade di contenziosi che si apriranno e la delegittimazione di chi dovrà cercare nelle prossime settimane di trovare difficili punti di equilibrio in una realtà sempre più sfilacciata”.

I commenti sono chiusi